E' richiesto un upgrade del tuo Flash Player
Viva Communication

Benvenuto su Nautica Versilia
venerdì 26 maggio 2017

Nautica in Versilia Nautica Versilia - Homepage Novità nautiche Informazioni per il turista Informazioni per il diportista Avvicinarsi alla nautica Foto gallery Video gallery Contatti
Slot
Arizona

Porto Viareggio descrizione

Il porto di Viareggio

Descrizione 

 

 

 

Il porto di Viareggio è costituito da un avanporto e da 6 darsene:

  

·         La Nuova Darsena,

     ricavata nella parte più interna del bacino portuale, a Sud, tra il lato Est della Diga Foranea e la città, è interamente banchinata ed ha fondali di 4,5 m. La sua destinazione è peschereccio-commerciale: i pescherecci ormeggiano di punta alle banchine, lati N e S e secondo tratto lato W. Al primo tratto di banchina, lato W (circa 195 m), possono ormeggiare natanti da diporto in riparazione.

 

·         La Darsena della Madonnina

     è la prima delle tre darsene interne, parallele al Canale Burlamacca; ha fondali medi di 4,5 m ed è gestita dal Comune di Viareggio. La darsena, dotata di alcuni pontili, è riservata alle imbarcazioni da diporto. Sulla estremità del Molo Sud del Canale Burlamacca è situata una statua della Madonna, della "La Madonniná".

 

·         La Darsena Europa,

     a cui si accede direttamente dall'avamporto, è la seconda entrando. Banchinata sui quattro lati, con fondali di 3,5 m, è destinata al diporto; la banchina Sud è utilizzata per l'approdo libero. Sul lato Nord sono sistemati tre pontili galleggianti in concessione al Club Nautico; un quarto pontile è sistemato sul lato Est, per un tratto di 45 m; la parte rimanente di detta banchina è riservata alle unità della Capitaneria di Porto ed a quelle dei Carabinieri e della Guardia di Finanza.

 

·         La Darsena Italia

     ha l'entrata dalla Darsena Europa attraverso un canale di comunicazione. I fondali sono mediamente di 3 m. La banchina Nord è destinata al diporto, le altre sono utilizzate dai cantieri navali.

 

·         La Darsena Toscana e la Darsena Lucca

     sono più interne: la prima ha fondali di 3 m ed è destinata alle imbarcazioni da diporto e ai cantieri navali; l'altra darsena (fuori Carta n. 63), il cui fondale minimo è di 2 m, è frequentata dal naviglio minuto e da quello in disarmo. L'accesso a queste due darsene avviene attraverso il Canale Burlamacca.

 

 

All'imboccatura i fondali possono subire notevoli variazioni per la formazione di un bassofondo in corrispondenza della testata della Diga Foranea.

Per l'entrata è consigliabile passare circa 1.000 m a Nord del fanale verde e dirigere al centro dell'imboccatura soltanto in stretta prossimità di questa. 

I fondali alla imboccatura e nell'avamporto sono normalmente di circa 4,5 m. Il dragaggio dell'imboccatura è effettuato saltuariamente.
  

L'Avamporto è compreso fra la Diga Foranea ed il Molo Nord del Canale Burlamacca. Le unità in entrata devono tenere una rotta che disti almeno 20 m dal fanale verde di entrata per evitare la scogliera sommersa e il vecchio braccio della Diga Foranea e mantenere questa rotta fino al centro dell'avamporto.

 

 

Il porto-canale è costituito dall'ultimo tratto del Canale Burlamacca; ha una larghezza, alla bocca, di 30 m, con fondali medi di 3 m; procedendo verso l'interno, sia la larghezza che i fondali diminuiscono fino a 2 m.

 

Faro - faro a lampi bianchi, periodo 5 sec., portata 22M, sulla diga foranea presso l'imboccatura della nuova darsena.

 

Fanali - fanale isofase a luce rossa, periodo 3 sec., portata 7M, sulla testata del molo N; fanale isofase a luce verde, periodo 3 sec., portata 9M sull'estremità della diga foranea, a dritta entrando (distanza di sicurezza 20m).

 

Venti - Frequenti d'inverno; quelli di levante durano di solito parecchi giorni e sono accompagnati da pioggia. Più rari, ma più violenti, sono i venti di traversia (Libeccio), che durano generalmente tre giorni. In estate prevalgono i venti d'imbatto (Ponente e Maestro), maneggevoli.

 

Fondo marino: sabbia avamporto e rada - fango darsene interne.

 

Traversia: Libeccio e ponente.

 

Ridosso: avamporto, poco riparato dai venti del IV quadrante

 

Pericoli: entrando o uscendo dal porto mantenersi più vicino possibile al fanale rosso e comunque a una distanza non inferiore a m 100 dal fanale verde; in caso di necessità d'ancoraggio fuori dal porto, è consigliabile dar fondo un po' al largo (1 miglio circa), a causa dei frangenti che si formano con mare dal III e IV quadrante; bassi fondali dopo forti mareggiate da SW e Ovest sull'allineamento del fanale verde d'entrata. All'imboccatura del porto i fondali possono subire notevoli variazioni per la formazione di un bassofondo in corrispondenza al prolungamento della testata della diga foranea verso Nord.

 

Segni precursori del tempo - Quando la valle della Magra e le Alpi Apuane sono coperte da nebbia o da nuvole, si prevedono venti da levante con pioggia; quando le alture di Montenero, presso Livorno, sono coperte, venti di mezzogiorno e di libeccio; quando si vedono sul canale di Piombino strati bianchi con cirri sovrapposti, sono probabili tempi burrascosi da mezzogiorno e quando l'Isola Gorgona si delinea con straordinaria chiarezza all'orizzonte, forti venti da ponente. La persistenza di acque alte nel porto-canale è pure indizio di cattivo tempo.

 

Variazione del livello delle acque - Con venti forti accompagnati da mare grosso, le acque del porto-canale superano perfino di un metro il livello normale.

 

Correnti - Nel porto-canale predomina una corrente di flusso detta «corrente della Burlamacca». La corrente costiera è diretta in generale a N, ma subisce grandemente l'influenza dei venti dominanti.

 

Divieti

1) E' vietata la sosta delle navi e dei galleggianti in genere entro il raggio di un miglio dalla testata della Diga Foranea. Entro il raggio suddetto le navi a propulsione meccanica hanno l'obbligo di navigare a velocità ridotta e i rimorchiatori, le imbarcazioni in genere debbono lasciare libera la rotta alle navi anche se sono rimorchiate.
2) E' vietato alle imbarcazioni affiancarsi alle banchine del porto-canale.
3) Le navi e le imbarcazioni in entrata devono mantenersi sulla mezzeria dell' avamporto e quindi dirigere per le darsene.
4) Nell'entrare nel Canale Burlamacca prestare attenzione sulla propria dritta: scogli sommersi o in parte affioranti si trovano lungo la banchina dei Molo Sud.
 

 

 

 
 
Home | Info Turista | Info Diportista | Nautica | Annunci | Aziende | Eventi | Notizie | Contatti | Mappa | Crediti
 
STOPS.it - 2006-2017 Tutti i diritti riservati™ - Per informazioni : STOPS p.IVA 02100530464